Cos’è il Prana, l’energia che migliora la tua vita

cos'è il prana, energia vitale, soffio vitale

Cos’è il prana?

Il prana è l’energia vitale che compone l’intero universo, compreso l’essere umano. Tutte le tradizioni antiche a partire da tremila anni fa e oltre ci parlano di un’energia che permea tutte le cose, un soffio vitale che dà vita a tutti gli esseri umani e all’universo.
In Cina secondo la filosofia toaista veniva chiamata “Chi” o “Qi”, in Giappone “ Ki”, in India “Prana”, nell’antica Grecia Aristotele la chiamò etere o quintessenza, il quinto elemento quella sostanza immateriale da cui tutte le cose prendono vita.

“Prana” è una parola sanscrita composta da “pra” che significa “costante” e “na” che significa movimento: movimento costante.

Cerco qui di fare un panorama di questo argomento, nel modo più semplice e chiaro possibile per darti un’idea del mondo energetico che ci circonda e di cui siamo fatti. Un mondo nuovo che potrebbe cambiare il tuo modo di vedere e vivere la vita.

L’energia che collega tutto

Immagina il prana come una sorta di forza vitale, una corrente di energia che pervade tutto ciò che esiste. È l’energia che ci dà vita, quella che ci fa sentire vivi e vitali e ci collega con il resto del mondo.

Secondo le antiche tradizioni orientali, il prana nel corpo umano fluisce attraverso una rete sottile di canali energetici chiamati nadi e si concentra in punti specifici conosciuti come chakra.

Meridiani e nadi

La Medicina Tradizionale Cinese ha individuato nell’essere umano 24 meridiani :12 nel lato destro e 12 nel lato sinistro e così chiamati perché appaiono come i meridiani che ci sono sulla terra. I meridiani sono dei canali di energia che scorrono nel nostro corpo ed hanno corrispondenza con i nostri organi interni, collegandoli.

La tradizione indiana chiama i meridiani “Nadi” e ne individua tre principali:

  1. Ida – Nadi lunare, associato al lato sinistro del corpo e all’energia femminile.
  2. Pingala -Nadi solare, associato al lato destro del corpo e all’energia maschile.
  3. Sushumna – Nadi centrale, situato lungo la colonna vertebrale, attraverso cui fluisce l’energia kundalini.

Insomma, dentro di noi c’è una grande rete autostradale che non possiamo far finta di non sentire!

I chakra

Ai meridiani, sono collegati i chakra 7 centri principali che si trovano lungo l’asse del corpo, che scambiano energia con il mondo esterno.

I chakra sono vortici energetici situati lungo la colonna vertebrale, ognuno con una sua specifica funzione e associato a diversi aspetti fisici, emozionali e spirituali dell’essere umano. La parola chakra in sanscrito significa “cerchio, ruota”.

I chakra principali sono sette:

  1. Muladhara – Radice, situato alla base della colonna vertebrale, rappresenta la stabilità e la connessione con la terra.
  2. Swadhisthana – Sacrale, situato all’altezza dei genitali, rappresenta la sessualità, la creatività e l’energia emotiva.
  3. Manipura – Plesso solare, situato all’altezza dello stomaco, rappresenta la volontà, il potere personale e l’autostima.
  4. Anahata – Cuore, situato al centro del petto, rappresenta l’amore, la compassione e l’empatia.
  5. Vishuddha – Gola, situato alla base del collo, rappresenta la comunicazione, la creatività e l’espressione di sé.
  6. Ajna – Terzo occhio, situato tra le sopracciglia, rappresenta l’intuizione, la chiaroveggenza e la connessione con il divino.
  7. Sahasrara – Corona, situato sulla sommità della testa, rappresenta la coscienza spirituale, l’illuminazione e la connessione con l’universo.

Come funziona il prana?

Le tradizioni orientali ci insegnano che la salute è vista come un equilibrio del prana nel corpo. Quando il prana fluisce liberamente nei canali dei nadi e dei chakra, siamo in salute e ci sentiamo vitali. Quando ci sono blocchi o squilibri, possono insorgere problemi fisici, emotivi o mentali.

La conoscenza di questi aspetti energetici dell’essere umano è fondamentale per affrontare difficoltà, disagi e malattie. Un disturbo alla gola indica uno squilibrio nel quinto chakra: significa che viviamo dei problemi di comunicazione nelle relazioni, facciamo fatica ad essere noi stessi, a dire ciò che proviamo o a esprimere i nostri talenti e capacità.  Riequilibrando a livello energetico la parte del corpo che segnala un disagio o un disturbo favoriremo la guarigione.

Le cinque forme di Prana nell’essere umano

Forse non tutti sanno che il prana non è una singola energia, ma si manifesta in cinque forme principali, chiamate vayus:

  1. Prana Vayu: è l’energia ascendente, che fluisce verso l’alto. È responsabile della respirazione e dell’assimilazione del prana dall’aria che respiriamo.
  2. Apana Vayu: è l’energia discendente, che governa le funzioni di eliminazione e radicamento. È essenziale per tutto ciò che è espulsione, come l’evacuazione e il parto.
  3. Samana Vayu: Questa energia si muove verso il centro e regola la digestione e l’assimilazione del cibo.
  4. Udana Vayu: L’energia che sale verso la testa e la gola, governando il discorso, la crescita e l’espressione.
  5. Vyana Vayu: È l’energia che si espande in tutte le direzioni, responsabile della circolazione del sangue e del movimento dei muscoli e delle articolazioni.

Come utilizzare il prana per migliorare il tuo benessere

Non pensare che il prana sia solo per gli yogi o per chi pratica discipline spirituali. Tutti noi possiamo beneficiare di una maggiore consapevolezza del prana nelle nostre vite quotidiane.

Ecco qualche suggerimento pratico:

  • Respira consapevolmente: prenditi qualche minuto ogni giorno per fare respirazioni profonde e consapevoli. Questo può aiutare a calmare la mente e ricaricare il corpo;
  • Muoviti regolarmente: una breve passeggiata all’aria aperta, nella natura, anche in un semplice giardino pubblico, può aiutare a far fluire il prana e migliorare il tuo umore e stato d’animo;
  • Mangia con consapevolezza: scegli cibi freschi e naturali, e cerca di mangiare in modo lento, equilibrato e regolare;
  • Rilassati: trova il tempo per rilassarti e ridurre lo stress, altrimenti il prana può bloccarsi e creare disagi.

La vita è un flusso di energia che scorre in noi, nelle piante, negli animali.  Esplorare il prana può portare nuova vitalità e consapevolezza nella tua vita quotidiana.

La visione olistica, la mia e la tua esperienza

Mi sono avvicinata a questo mondo delle energie grazie alla sensazione che non c’è solo ciò che vediamo e tocchiamo concretamente, grazie ai fallimenti della medicina tradizionale sulle mie problematiche fisiche e grazie alla mia sana curiosità verso il nuovo e lo sconosciuto.

Tutto quello che ho incontrato sul mio cammino e di cui ti parlo, l’ho sperimentato in prima persona attraverso le varie discipline e tecniche che esistono oggi e che si basano su queste teorie: agopuntura, reiki, pranoterapia, riflessologia plantare, digito-pressione. E’ un mondo affascinante che mi ha portato molto beneficio e spesso curato alcuni sintomi risalendo alla causa del mio disturbo o malattia e prendendo in considerazione tutto il mio essere e non solo una parte.

Ho sperimentato e sposato la visione olistica (olistica deriva dal greco “olos” che significa tutto, intero) dell’uomo: mente, corpo e anima sono collegati tra di loro e se sta male una parte ne risentono anche le altre, così come subiamo le influenze del meteo, del cambio di stagione, dell’umore di chi ci sta a cuore e di ciò che accade nel mondo.

Sul web ormai si può approfondire qualunque argomento, talvolta incontrando informazioni corrette ed altre scorrette. Scriverò altri articoli di approfondimento sull’argomento ma l’invito è quello di seguire il tuo percorso seguendo la tua curiosità e la tua intuizione, di sperimentare prima di giudicare e di ascoltare le tue sensazioni più profonde sia leggendo un articolo o un libro, sia vivendo un’esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.